Descrizioni sintetiche Corsi Dote Lavoro

CORSO DI OPERATORE AMMINISTRATIVO SEGRETARIALE

L’Operatore Amministrativo Segretariale interviene, a livello esecutivo, nel processo di amministrazione e gestione aziendale con autonomia e responsabilità limitate a ciò che prevedono le procedure e le metodiche della sua operatività.

Al termine del percorso formativo, l’operatore amministrativo segretariale sa:

  • Gestire e filtrare le comunicazioni scritte o telefoniche indirizzate alle funzioni direttive di riferimento
  • Gestire l’agenda (contatti, appuntamenti, scadenze,…) delle funzioni direttive di riferimento
  • Gestire le pratiche riferite al personale (missioni, straordinari, richieste di ferie, malattie, ecc)
  • Organizzare riunioni, assemblee o viaggi di lavoro del personale (prenotazione biglietti di viaggio, sale riunioni, alberghi, ristoranti, ecc.)
  • Curare la revisione e la battitura di testi e documenti
  • Curare la trasmissione delle informazioni o comunicazioni tra vari uffici o soggetti
  • Predisporre e realizzare comunicazioni o lettere di convocazione
  • Supportare operativamente l’organizzazione di conferenze stampa o eventi agli uffici stampa e di relazione con il pubblico.

CORSO DI OPERATORE PER L’ASSISTENZA DI BASE

L’operatore per l’assistenza di base è una figura professionale che, in possesso di adeguata preparazione culturale e professionale, si occupa dell’assistenza diretta ad anziani, disabili e persone in situazione di emarginazione o a rischio.

Opera presso il domicilio dell’utente, nelle strutture residenziali o semiresidenziali pubbliche e private e/o convenzionate, in maniera organizzata o in modo autonomo, svolgendo attività che vanno dall’assistenza e cura della persona, a prestazioni di pulizia ordinaria degli ambienti di vita fino a comprendere interventi igienico sanitari di semplice attuazione.

Al termine del percorso formativo, l’operatore per l’assistenza di base sa:

  • Accogliere e inserire l’utente all’interno del centro o della struttura semiresidenziali e residenziali.
  • Svolgere attività di supporto nell’espletamento delle funzioni primarie (es. igiene personale; assunzione cibo; assistenza alla vestizione; ecc.) all’interno della struttura semiresidenziali e residenziali.
  • Realizzare il monitoraggio dello stato psico-fisico (es. aspetti sanitari; situazioni di sofferenza; aspetti socio-relazionali; ecc.).
  • Accompagnare gli utenti all’esterno del centro o della struttura (es. servizi di trasporto; soggiorni esterni; eventi sportivi; ecc.).
  • Sorvegliare e vigilare l’utente all’interno della struttura.
  • Fornire assistenza nelle attività motorie.
  • Curare gli aspetti relativi alla sicurezza dell’utente.
  • Applicare tecniche di primo soccorso in caso di malore/infortunio degli utenti.

CORSO DI OPERATORE PER LE LAVORAZIONI ORAFE

L’Operatore per le lavorazioni orafe è in grado di realizzare prodotti orafi a partire dalle specifiche progettuali definite, adottando le attrezzature e le tecniche di lavorazione più adeguate alle caratteristiche stilistiche, funzionali e tecniche.

Al termine del percorso formativo, l’operatore per le lavorazioni orafe sa:

  • Effettuare la pesatura del metallo per la realizzazione della lega
  • Predisposizione del crogiolo per la realizzazione della lega (oro fino e leghe per oro bianco, giallo e rosa)
  • Fusione dei metalli (es. oro fino con rame, argento, ecc.)
  • Realizzazione della colata negli stampi (es. moschettoni; griffe; gambi per anelli; catenine; ecc.)
  • Esecuzione della finitura di semilavorati (lucidatura, smerigliatura, etc.)
  • Realizzazione della colata in staffe predisposte per la realizzazione di lastre e fili
  • Predisposizione del centro fusorio

CORSO DI OPERATORE DI AGENZIA DI VIAGGIO

L’addetto che si prende cura dei clienti e di tutti gli aspetti legati al front office dell’agenzia di viaggio è detto operatore di agenzia di viaggio. In buona sostanza si occupa sia della vendita dei biglietti di viaggio (treni, aerei, ecc.) sia della vendita di pacchetti vacanze completi.

La sua attività principale è di carattere informativo, di assistenza e consulenza: è lui che presso la sede dell’azienda (oppure al telefono) fornisce tutte le informazioni utili alla clientela, orientandola nella scelta e nell’acquisto dei prodotti.

Al termine del percorso formativo, l’operatore di agenzia di viaggio deve essere in grado di:

  • Accogliere e fornire assistenza desk al cliente
  • Gestire le relazioni con i clienti
  • Gestire le prenotazioni
  • Effettuare la vendita dei pacchetti e dei servizi turistici e relative pratiche amministrative
  • Erogare i servizi di assistenza e consulenza turistica
  • Predisporre le soluzioni su misura in base alle richieste del cliente
  • Predisporre i documenti e i titoli di viaggio
  • Vendere i titoli di viaggio del servizio di biglietteria

CORSO DI OPERATORE PER LA LAVORAZIONE E LA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI DELLA PANIFICAZIONE/ PASTICCERIA

Si occupa dell’intero processo di produzione, dal reperimento delle materie prime al prodotto confezionato, applicando le tecniche più appropriate per la preparazione di paste di base, dolci elaborati, prodotti panari e prodotti sostitutivi del pane; si occupa direttamente del servizio di vendita al cliente collaborando alla gestione delle merce, all’allestimento del banco vendita e/o della vetrina per la promozione e la diffusione dei prodotti.

Al termine del percorso formativo, l’operatore per la lavorazione dei prodotti e la commercializzazione dei prodotti della panificazione/pasticceria sa:

  • Curare la conservazione delle materie prime e dei semilavorati per la panetteria artigianale
  • Realizzare e gestire i processi di impastamento dei diversi prodotti lievitati
  • Gestire il processo di spezzatura e formatura dell’impasto dei prodotti di panetteria artigianale
  • Gestire e monitorare il processo e i cicli di lievitazione dei prodotti di panetteria artigianale
  • Realizzare le finiture dei prodotti di panetteria artigianale
  • Eseguire e monitorare la cottura di prodotti di panetteria artigianale
  • Controllare la qualità organolettica delle materie prime per l’avvio della produzione di prodotti di panetteria artigianale
  • Preparare i complementi di rifinitura

CORSO DI OPERATORE PER LA CONDUZIONE DI IMPIANTI DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI (URBANI E SPECIALI)

L’operatore per la conduzione di impianti di trattamento e smaltimento dei rifiuti (urbani e speciali) è una figura che si inserisce in aziende che effettuano il trattamento, trasporto e stoccaggio dei rifiuti.

I suoi compiti sono di svolgimento delle operazioni relative al trattamento dei rifiuti, quali selezione, cernita, piccola manutenzione dei macchinari e delle tecnologie più in uso presso gli impianti.

E’ in grado di intervenire in tutte le fasi previste nel ciclo di processo di un impianto di trattamento rifiuti, in funzione delle necessità aziendali. Conosce le procedure che sottostanno ai processi di raccolta, cernita, smistamento, trasporto e stoccaggio sia di rifiuti non pericolosi che pericolosi, sa utilizzare metodi e tecnologie per la movimentazione e lo stoccaggio di rifiuti e conosce le procedure di emergenza e sicurezza del sito e di riduzione degli impatti ambientali relativi.

Al termine del percorso formativo, l’operatore per la conduzione di impianti di trattamento e smaltimento dei rifiuti (urbani e speciali):

  • Verifica e predispone la documentazione d’accompagnamento in entrata e dei registri di carico/scarico con riferimento alla qualità e quantità dei rifiuti
  • Realizza le operazioni di pesatura dei rifiuti
  • Effettua le analisi delle caratteristiche dei rifiuti (es. rifiuti urbani, rifiuti speciali, ecc.)
  • Effettua l’accensione e lo spegnimento degli impianti di trattamento e smaltimento dei rifiuti (urbani e speciali)
  • Realizza le operazioni di separazione e smistamento dei rifiuti
  • Individua la tipologia di trattamento più idonea per il recupero ed il reinserimento dei rifiuti nel ciclo produttivo
  • Verifica della qualità del materiale recuperato
  • Realizza le operazioni di imballaggio e stoccaggio del materiale recuperato
  • Applica le procedure per il controllo degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti
  • Predispone la documentazione di accompagnamento delle merci in uscita
  • Effettua la gestione ordinaria dell’impianto di trattamento e smaltimento dei rifiuti e segnala eventuali anomalie
  • Conduce le discariche per rifiuti urbani e speciali

CORSO DI RESPONSABILE DELLA SICUREZZA DI RETI INFORMATICHE E DELLA PROTEZIONE DEI DATI

Il responsabile della sicurezza di rete informatiche e della protezione dei dati pianifica, mette in atto e verifica tutte le misure necessarie a garantire ad un sistema informativo un livello di sicurezza adeguato alle caratteristiche dei dati e delle applicazioni in esso contenuti e conforme alle previsioni normative vigenti.

Si occupa della progettazione e dell’implementazione delle misure atte ad assicurare la sicurezza fisica della rete informatica e la protezione dei dati, organizzando le procedure di backup e predisponendo i piani di disaster recovery dei sistemi informatici.

Pianifica ed implementa le misure per la sicurezza logica, definendo le policy per le autorizzazioni ed il controllo degli accessi alla rete informatica e predisponendo gli audit per la verifica del livello effettivo di sicurezza e di protezione dei dati. Assicura il rispetto delle previsioni normative in materia di privacy e tutela dei dati personali, verificando la corretta adozione delle misure di sicurezza previste dal D. Lgs 196/2003 e s.m.i. e predisponendo il DPS (Documento Programmatico per la Sicurezza).

Coordina le procedure organizzative per prevenire e reagire ad un eventuale attacco informatico e gestisce le situazioni di crisi conseguenti ad una violazione del sistema informativo ripristinandone il corretto funzionamento, individuando i dati violati ed identificando, se possibile, gli autori dell’attacco. Propone infine al responsabile dei sistemi informativi gli aggiornamenti e le modifiche alle componenti hardware e software ed alle procedure organizzative necessarie per garantire il mantenimento di un adeguato livello di sicurezza del sistema

Al termine del percorso formativo, il responsabile della sicurezza di rete informatiche e della protezione dei dati sa:

  • Effettuare l’analisi degli accessi ai sistemi e gestione dei profili
  • Effettuare il controlli sulla vulnerabilità e l’efficienza dei sistemi informativi
  • Definire gli standard di sicurezza
  • Valutare i rischi e le minacce alla sicurezza
  • Gestire i rischi operativi
  • Adeguare i sistemi alla normativa vigente
  • Definire i piani di formazione/informazione al personale e a soggetti esterni sui sistemi di sicurezza
  • Effettuare l’implementazione di metriche sulla sicurezza informatica
  • Effettuare l’identificazione dei security test da implementare per valutare l’efficacia della soluzione adottata

CORSO DI RESPONSABILE DI DIREZIONE E COORDINAMENTO DEL FUNZIONAMENTO DI STRUTTURE SPORTIVE/CENTRI BENESSERE

Il responsabile di direzione e coordinamento del funzionamento di strutture sportive/centri benessere, dirige e coordina il funzionamento della struttura in modo da garantirne l’efficienza organizzativa ed assicurare il buon andamento del servizio: sovraintende la gestione amministrativa, l’organizzazione del lavoro ed il coordinamento del personale, la manutenzione dei locali e l’efficacia delle attività proposte e dei servizi.

E’ responsabile dell’insieme delle attività che assicurano il funzionamento di un impianto sportivo/centro benessere e dell’organizzazione del servizio dell’utenza. Presiede inoltre, il più alto livello gerarchico della struttura, all’interno della quale si relaziona con tutti gli addetti e collaboratori.

Verso l’esterno si occupa delle relazioni con Federazioni, Leghe, Associazioni e Società sportive, Imprese produttrici di beni e servizi per lo sport (impianti, ecc.), Aziende sponsor media a contenuto sportivo, Enti pubblici territoriali, attività ed eventi turistico-sportivi.

Al termine del percorso formativo, il responsabile di direzione e coordinamento del funzionamento di strutture sportive/centri benessere sa:

  • Sviluppare l’offerta di servizi sportivi, sulla base dei risultati dell’analisi del bacino d’utenza, pianificando le attività sportive in relazione alle potenzialità della struttura.
  • Sviluppare il piano di marketing, a partire dalle strategie di lancio delle nuove attività, definendo gli strumenti operativi (sponsor, prezzi, canali di comunicazione) per il raggiungimento degli obiettivi delineati.
  • Organizzare i servizi dell’impianto sportivo, individuando e gestendo le risorse umane e strumentali (attrezzature) necessarie alla implementazione dell’offerta.
  • Coordinare le procedure amministrative, occupandosi della rilevazione ed elaborazione dei dati economici e del controllo di gestione.

CORSO DI TECNICO DELLA MEDIAZIONE COMUNICATIVO - RELAZIONALE E DELL'INTERPRETAZIONE IN LINGUA ITALIANA DEI SEGNI
(TECNICO LIS)

La figura professionale accompagna l’interazione linguistico-comunicativa tra soggetto udente e minorato uditivo, anche in ambito educativo, mediando e facilitando il trasferimento del contenuto semantico e simbolico tra le parti, attraverso l’utilizzo delle strutture morfologiche, sintattiche e semantiche della Lingua dei Segni Italiana (LIS).

Padroneggia le necessarie modalità e le tecniche dell’interpretazione consecutiva e affronta argomenti dei più vari gradi di specificità e di contesto, adeguando le modalità alla situazione e favorendo le pari opportunità dei minorati uditivi che a causa del rallentamento del processo del linguaggio parlato possono incorrere in difficoltà relazionali che conducono all’emarginazione.

La figura, a seconda del contesto in cui si trova ad operare, lavora da sola o in affiancamento ad operatori socio-sanitari, sia come libero professionista che come dipendente di enti ed associazioni e/o socio di cooperative sociali.

Al termine del percorso formativo, il tecnico della lingua italiana dei segni sa:

  • Eseguire la diagnosi dell’interpretazione comunicativa.
  • Identificare eventuali impedimenti nella dimensione comunicativo/relazionale.
  • Utilizzare approcci comunicativi/comportamentali funzionali alla rimozione dei differenti approcci tra gli attori coinvolti.
  • Riconoscere le esigenze ritmiche dell’interazione comunicativa.
  • Adeguare lo stile dell’intervento di mediazione comunicativa alle variazioni nel comportamento comunicativo/relazionale degli attori.
  • Tradurre la morfologia dell’interazione comunicativa in un registro linguistico adeguato alla tipologia di intervento richiesto.
  • Promuovere lo scambio relazionale favorendo l’espressione/soddisfazione completa del fabbisogno comunicativo.

CORSO DI TECNICO DELLA SUPERVISIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE
(GUARDIA ECOLOGICA)

Controlla le aree protette, i boschi e le aree vincolate. Le attività principali a cui si dedica sono la supervisione, la prevenzione e la sorveglianza del patrimonio forestale e faunistico, cui si è aggiunta, in tempi più recenti, l’educazione/informazione ambientale, ai fini di favorire la conoscenza della natura e dei problemi di tutela ambientale.

Di fronte a particolari e gravi irregolarità la guardia ecologica è tenuta ad usare il potere di pubblico ufficiale e a verbalizzare le infrazioni di sua competenza segnalando gli illeciti alle autorità preposte. Collabora inoltre con le autorità in caso di calamità naturali o disastri ambientali.

Al termine del percorso formativo, il tecnico della supervisione del patrimonio forestale sa:

  • Monitorare il patrimonio forestale e conseguente individuare le diverse tipologie di tutele in esso presenti (es. siti di rete natura 2000, SIC, ZPS, ecc.)
  • Adottare metodologie di intervento atte alla prevenzione di incendi, diminuzione dei fenomeni di dissesto, gestione dei flussi turistici
  • Segnalare le infrazioni e i danni rilevati alle autorità preposte
  • Collaborare con le autorità coinvolte negli interventi di protezione civile
  • Realizzare interventi di divulgazione e promozione ambientale

CORSO DI TECNICO DELLE ATTIVITA’ DI PROGETTAZIONE, SVILUPPO E AGGIORNAMENTO DI SITI WEB

Il tecnico delle attività di progettazione, sviluppo e aggiornamento di siti web si occupa dell’ideazione, della progettazione, dello sviluppo e dell’aggiornamento di siti Web pubblicati in Internet.

A seconda del livello di esperienza maturato e della realtà lavorativa in cui opera, si può occupare di parte o tutte le fasi di ideazione e sviluppo di un sito Web (o sito Internet): definizione delle strategie di comunicazione, gestione e controllo dei contenuti, individuazione delle tecniche da adottare, promozione del sito, sviluppo e aggiornamento di pagine web e manutenzione.

A sito ultimato, inoltre, questa figura rappresenta in genere il punto di riferimento per gli utenti, a cui presta supporto ed assistenza e di cui raccoglie osservazioni e commenti.

Al termine del percorso formativo, il tecnico delle attività di progettazione, sviluppo e aggiornamento di siti web sa:

  • Effettuare la definizione dell’architettura, della presentazione, dell’organizzazione dei contenuti e del modello di navigazione (approccio ergonomico non solo grafico)
  • Applicare i principi di web marketing (SEO e SEM)
  • Effettuare la prototipazione funzionale, tassonomia e gerarchie di contenuti, wireframe e documenti di design
  • Realizzare la parte comunicativa della soluzione (concept)
  • Progettare e sviluppare il layout grafico di pagine web e definire i template in HTML/CSS
  • Effettuare e sviluppare il di codice con linguaggi di scripting
  • Configurare, integrare e personalizzare i moduli per CMS/COS

CORSO DI TECNICO DELL’ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO, DELLA GESTIONE DEL CAMBIAMENTO, DELLA COMUNICAZIONE AZIENDALE E DEI PIANI RETRIBUTIVI
(GESTIONE RISORSE UMANE)

Il tecnico nella gestione e sviluppo delle risorse umane è in grado di realizzare la programmazione del personale, prefigurare percorsi di sviluppo professionale ed organizzativo e gestire le risorse umane, in coerenza con gli obiettivi strategici dell’azienda e le esigenze del mercato.

Al termine del percorso formativo, il tecnico nella gestione delle risorse umane sa:

  • Formulare previsioni sulla quantità di risorse e di ruoli e professionalità necessarie in base agli obiettivi di sviluppo aziendale
  • Indirizzare e gestire strategicamente le politiche del personale e delle relazioni sindacali
  • Gestire i piani di intervento di sviluppo organizzativo
  • Individuare le criticità e gli esuberi in relazione alle rinnovate esigenze organizzative e/o a seguito di ristrutturazioni aziendali
  • Gestire le politiche strategiche di sviluppo professionale e attivare le analisi dei fabbisogni professionali del personale in relazione agli obiettivi aziendali
  • Gestire le politiche di sviluppo di carriera e le politiche retributive
  • Determinare i piani strategici di reclutamento del personale

CORSO DI TECNICO DELL’ANIMAZIONE SOCIO EDUCATIVA

Il Corso intende formare una figura professionale che trovi collocazione in contesti di servizi pubblici o del privato sociale di tipo residenziale o territoriale finalizzati alla prevenzione delle marginalità e del disagio sociale, all’integrazione, e partecipazione sociale, allo sviluppo di potenzialità individuali e collettive, operando in stretta collaborazione con altre figure professionali e con i servizi del territorio.

Il Tecnico dell’Animazione socio-educativa opera in strutture socio-sanitarie per anziani o con disabilità, in strutture socio-educative per minori.

Al termine del percorso formativo, il tecnico dell’animazione socio educativa sa:

  • Individuare i fabbisogni e le risorse degli utenti negli interventi di animazione sociale
  • Progettare e/o collaborare alla progettazione in équipe di piani assistenziali e/o educativi individuali e di gruppo
  • Definire le attività di animazione (es. laboratori manuali, animazione motoria, ecc.)
  • Elaborare e organizzare il materiale di supporto (es. didattico, ludico, ricreativo, ecc.)
  • Realizzare attività di animazione sociale
  • Promuovere il recupero e lo sviluppo delle potenzialità personali, dell’inserimento e della partecipazione sociale dei soggetti
  • Promuovere la comunicazione all’interno del gruppo e la condivisione di problematiche ed esperienze vissute
  • Valutare i risultati/progressi raggiunti dagli utenti
  • Comunicare e collaborare con la famiglia d’appartenenza