Welfare

AREA DELLO SVANTAGGIO E FASCE DEBOLI

I programmi realizzati nell’ambito di quest’area sono orientati ad eludere l’esclusione sociale degli svantaggiati, dei diversamente abili, dei soggetti precari o in condizioni di mobilità, predisponendone e preparandone l’eventuale inserimento nel mondo lavorativo con attenzione alla loro qualificazione settoriale e alla loro formazione in un iter di interventi efficienti ed efficaci.


MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

www.lavoro.gov.it

Politiche del lavoro, Sviluppo Occupazionale, Tutela del Lavoro, Studi e Applicazioni delle misure che servono a garantire l’adeguatezza del sistema previdenziale e delle politiche sociali, con riferimento particolare alla prevenzione e alla riduzione delle situazioni e condizioni di bisogno e di disagio della persona e della famiglia.


UFFICI TERRITORIALI 

Direzioni Regionali del Lavoro e Direzioni Provinciali del Lavoro


ENTI ED AGENZIE NAZIONALI PER IL LAVORO

L’attività istituzionale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali viene esplicata e messa in atto tramite l’azione di alcuni enti e agenzie preposte allo svolgimento di determinate funzioni esterne ma collegate al Ministero da un rapporto strumentale.

Sono: ISFOL e ITALIALAVORO (Area Lavoro)

Istituto per della Formazione Professionale dei lavoratori. E’ un ente pubblico di ricerche che svolge e promuove attività di studio, ricerca, sperimentazione, documentazione, valutazione, informazione, consulenza e assistenza tecnica per lo sviluppo della formazione professionale, delle politiche sociali e del lavoro.

Ente strumentale del ministero del lavoro, della salute, della salute e delle politiche sociali che si occupa della promozione e della gestione di azioni nel campo delle politiche del lavoro, dell’occupazione e dell’inclusione sociale. Italialavoro realizza azioni e programmi in collaborazione con le Regioni, le Province e le Amministrazioni Locali, per migliorare le capacità del sistema Paese nel creare opportunità di occupazione, rivolgendosi in particolare alle categorie più deboli del mercato del lavoro.